Canada USA e Far West: informazioni e idee di viaggio

Il fascino del Far West americano incontra la natura del Canada, e il risultato è un indimenticabile viaggio. Il Grand Tour Canada e USA è pura avventura, un percorso tra lo Utah, l’Idaho, il Wyoming, il Montana e Washington, tra lo Stato dell’Alberta e la British Columbia. Un viaggio mitico, immerso nella leggenda dei Parchi Naturali.

È l’on the road per eccellenza, questo. Sono emozioni che si susseguono l’una dopo l’altra, a cominciare dall’arrivo a Salt Lake City e sino a tutte le località che giorno dopo giorno visiteremo. Viaggeremo immersi nella bellezza dei paesaggi, faremo soste in luoghi straordinaria. Perché il Far West americano è una vasta frontiera geografica che racchiude una natura incredibile, la cui fruibilità è agevolata da un sistema di arterie stradali eccellenti e ben tenute.

Il nostro è un vero overland del Far West: il nostro biglietto da visita. Toccherete con mano la nostra passione, la professionalità e soprattutto la grande esperienza nella scelta delle località e delle modalità di viaggio. Perché proporre è facile, ma saper scegliere bene non è da tutti: è questo che ci rende leader per il rapporto qualità/prezzo.

Potrebbe interessarti anche   L’America del Far West

Ma cosa si vede, durante il Grand Tour Canada e Usa?

Salt Lake City.Città ad alta quota, capitale dello Utah, è delimitata dal Gran Lago Salato e dalle cime innevate dei monti Wasatch. Il suo monumento simbolo è il tempio dei mormoni.

Great Salt Lake. Lago salato più esteso degli USA, misura quasi 5000 km quadrati per una profondità media di soli 15 m. Il clima desertico a cui è esposto l’ha reso un bacino per l’estrazione del sale e una magnifica oasi per flora e fauna altamente specializzata. Territori dei Mormoni e di grandi aziende agricole, a contrasto con l’avanzare del deserto, questo mondo di contrasti, sembra calarci in una società del passato. Tutto ci apparirà vasto, grande e rilassante: saremo immersi in grandi spazi vuoti, luminosi e ventosi, e la magia ci accompagnerà passo dopo passo.

Montagne Rocciose. Catena montuosa che si estende per quasi 3000 miglia partendo dalla British Columbia e dall’Alberta in Canada e attraversando gli Stati americani dell’Idaho, del Montana, del Wyoming e del Colorado fino a raggiungere il New Mexico. A caratterizzarle, una spettacolare natura selvaggia, una variegata fauna selvatica e laghi alpini.

Parco nazionale del Grand Teton. La vera natura delle montagne rocciose americane, preziosa dimora di grandi mammiferi e perciò paradiso della “caccia” fotografica: all’interno del parco è possibile avvistare orsi neri, coyote, antilocapre, bisonti, cervi canadesi, alci, aquile calve, lupi, i famosi grizzly e molti altri mammiferi ed uccelli.

Parco nazionale di Yellowstone. Il “padre’ di tutti i parchi: saremo immersi per due giorni nel parco naturalistico più antico al Mondo: il famoso e ambito Yellowstone National Park di cui i grizzly sono la specie simbolo della riserva. Il parco, che prende il nome dall’omonimo fiume, è situato sopra una enorme caldera vulcanica ed è dunque ricco di geyser e sorgenti calde. Uno spettacolo surreale, un vero paradiso terrestre dove tutto è primitivo, autentico, armonioso e suggestiva: un’immensa e continua emozione. Qui vedremo:

  • il Grant Village con le sue bocche fumanti
  • il Lake Village coi grandi mammiferi
  • il canyon con le cascate
  • il geysir di Old Faithful
  • il Gardiner village
  • il lago/geyser Grand Prismatic Spring (la più grande sorgente calda negli Stati Uniti, e la terza più grande del mondo dopo Frying Pan Lake in Nuova Zelanda e Boiling Lake in Dominica)
  • la Tower Junction con le sue praterie ricolme di bufali
  • le Mammoth Hot Springs, dove un grande gioco di terrazzamenti calcarei ci ipnotizzerà con la sua bellezza.

Montana. Lo Stato dei veri cowboy, quelli che ancora svolgono questo duro mestiere e si circondano di distese immense, mandrie numerose e ranch da sogno. Attraverseremo abitati piccoli o di media grandezza (Wolf Creek, Mildford Colony, Augusta, Choteau), ognuno con la sua singolarità e la piacevole atmosfera del vero Far West. In comune, questi luoghi hanno la fondazione da parte dei primi coloni, quel grande flusso migratorio, soprattutto europeo, che – sin dalla fine del 1800 – ha raggiunto queste lontane lande, viste come la Terra Promessa.

Museo Paleontologico di Bozeman. Una delle migliori esposizioni di scheletri di dinosauri degli Stati Uniti.

Glacier National Park. Il Parco nazionale dei ghiacciai è un parco nazionale degli Stati Uniti sito nel Montana, al confine con le province canadesi dell’Alberta e della British Columbia. Il parco racchiude due catene montuose, e si estende su oltre 4000 km quadrati di territorio allo stato vergine. Quando il Parco fu fondato, nel 1911, ospitava sino a 150 ghiacciai: oggi, a causa del riscaldamento globale, sono solo 25 (si prevede nel 2030 saranno tutti estinti). Li andremo a cercare anche attraversando il famoso Passo Logan a 2033 mt, percorrendo la Sun Road che taglia centralmente il Parco.

Alberta. Provincia del Canada di sud-ovest, regala una sensazione di vastità, ordine e organizzazione. Tutto ha un senso compiuto, qui, tutto ha una sua logica rivolta ad agevolare la vita in questi vasti territori. Sarà proprio il sostantivo “perfezione” contraddistinguere i prossimi giorni di viaggio in un territorio nordico e paradisiaco.

Calgary. Città architettonica ricca di grattacieli ma ancora intrisa di cultura western, tanto da essere soprannominata “Cowtown” (la città delle mucche).

Banff. Cittadina turistica all’interno del Parco Nazionale di Banff. Le cime del monte Rundle e del monte Cascade, che fanno parte delle Montagne Rocciose, dominano il paesaggio.

Icefields Parkway. Spettacolare autostrada che si snoda sinuosamente in quota tra le montagne rocciose, e raggiunge il Parco Nazionale Jasper.

Lake Louise. Questa area ci riserva una serie di laghi di origine glaciale che son diventati un’attrazione turistica di fama internazionale. Acque color turchesi sbucano in mezzo ad una indomita foresta di conifere, antichi e massicci edifici in legno e pietra, canoe canadesi rigorosamente color rosso, imbiancate vette rocciose scavate da minacciosi ghiacciai: l’immaginario del Canada diventa realtà.

Jasper National Park. Il parco più esteso delle Montagne Rocciose, coi suoi oltre 10.000 km quadrati. Al suo interno vi autentici tesori della geologia e glaciologia ben visibili nella loro maestosità, e facilmente fruibili grazie alla spettacolare autostrada Icefield Parkway. Si resta a bocca aperta alla visione di questa ardita opera stradale, che permette al visitatore d’insinuarsi tra le montagne raggiungendo siti naturalistici di alta qualità. Quello che maggiormente impressiona sono le dimensioni, soprattutto quella dell’erosione glaciale che ha plasmato intere catene montuose, trasformandole in trampolini di lancio verso cieli tersi e segnati da nuvole striate. Le pareti paraboliche, le conche glaciali, le masse ghiacciate, le torbiere, le grotte e i fossili scorrono attorno a noi chilometri di manuali di geologia.

Canada meridionale. Le scenografia tipica vede protagonista il susseguirsi di terreni agricoli e fattorie, a dimostrazione di tutta la forza e potenzialità dell’economia agraria locale. Siamo ancora nel paradiso terrestre, dove tutto è ordinato pulito e le persone sono gentilissime, soprattutto nel rispettare il visitatore forestiero, accogliendolo con uno smagliante sorriso e scambiando buone parole. Questi territori presentano una particolare morfologia che – tra colline, montagne e laghi – favorisce un microclima temperato e sufficientemente protetto, favorevole alla coltivazione di frutti, ortaggi e frumenti impensabili a queste latitudini.

Inside Passage. Insieme di fiordi, canali e insenature del Pacifico nord-orientale che si sviluppano lungo la costa settentrionale del Nord America fra l’Alaska sud-orientale, la British Columbia e la costa nord-occidentale dello Stato di Washington.

Vancouver. Vivace porto della British Columbia, è tra le città più popolate e multiculturali del Canada. Circondata dalle montagne, ospita molti set cinematografici e offre una scena artistica, teatrale e culturale molto animata. La Vancouver Art Gallery è conosciuta per le opere di artisti locali, mentre il Museo di antropologia espone importanti collezioni delle Prime Nazioni. Vancouver ha tradizionalmente fatto leva sulle risorse della British Columbia: foreste, miniere, pesca e agricoltura. Tuttavia è andata diversificandosi nel tempo, ed oggi ha un’importante e vitale industria nel settore dei servizi e del turismo.

Seattle. Città sullo Stretto di Puget, nel Pacifico nordoccidentale, circondata da acqua, montagne e foreste sempreverdi e con migliaia di ettari di parchi. La più grande città dello Stato di Washington ospita le sedi di Microsoft e Amazon nella sua area metropolitana.

Olympic National Park. Una delle poche aree boschive al mondo dove è possibile rintracciare ancora la foresta pluviale temperata, che si distingue dalla più diffusa foresta tropicale per la presenza di una flora e di una fauna che si sono adattate ad una variabile termica elevata, forte umidità e piovosità elevate. La scenografia che si presenta è quella di una foresta vergine impenetrabile, rigogliosa, dove felci, muschi, licheni e impressionanti aghifoglie la fanno da padrone.

Penisola Olimpica. Grande braccio di terra dello Stato di Washington, si contraddistingue per le sue spiagge vaste e profonde regolamentate da una marea performante e da un sistema di scogliere frastagliate a formare un’infinità di faraglioni e piccole isole. Solo questa particolare natura specializzata, supportata da un clima umido e temperato, dona risultati di questo genere.

Potrebbe interessarti anche   Il Grand Tour d’Australia e Tasmania

Canada e Far West, il clima

Il Grand Tour Canada e USA si svolge in autunno, quando i colori della natura sono straordinari, si può ammirare il foliage e gli animali si preparano al lungo inverno.

La latitudine è poco più a sud nei confronti dell’Italia, ma avremo a che fare con una escursione termica e meteorologica comunque ampia. Le stagioni sono simili a quelle italiane, e l’alta pressione è una presenza auspicata per donarci cieli tersi.

Il clima tipico è solitamente umido e piovoso sulla costa e fresco/freddo nelle regioni interne: le temperature diurne nelle depressioni e nelle vallate sono di 25°C-30°C, sugli altopiani e nelle aree montane 10°C-15°C, sulla costa 20°C-25°C.

Cosa mettere in valigia durante il Grand Tour Canada e USA

Una cosa raccomandiamo, a chi prenota con noi il Grand Tour Canada e USA: seguire scrupolosamente i nostri consigli in merito all’abbigliamento da portare.

Biancheria intima per il Grand Tour Canada e USA

  • mutande a scelta, considerando la possibilità di lavarsi la biancheria intima durante il tour
  • 5 magliette a pelle (tipo filo di Scozia o tessuti a drenanti la sudorazione)
  • 3 calze medio/leggere da riposo (in spugna di cotone)
  • un paio di calzettoni specifici per l’escursionismo

Abbigliamento per il Grand Tour Canada e USA

  • 2 maglie o camicie a maniche lunghe in cotone
  • un maglione di pile o piumetto leggero per la sera
  • una giacca o mantella impermeabile (per la barca o per un’improbabile pioggia)
  • un berrettino leggero
  • un cappellino per il sole
  • un paio di guanti leggeri per il fresco serale o per mattina presto
  • magliette leggere di tipo estivo
  • 2 paia di pantaloni da viaggio leggeri, comodi per i trasferimenti
  • un paio di pantaloni adatti all’escursionismo (elasticizzati è meglio)
  • 2 paia di pantaloni corti
  • Calzature per il Grand Tour Canada e USA
  • un paio di scarpe comode e leggere da viaggio e da riposo, ma robuste
  • un paio di scarpe per l’escursionismo
  • un paio di ciabattine/sandali bassi di gomma o simili

Accessori per il Grand Tour Canada e USA

  • un accappatoio in microfibra o un telo bagno per la piscina
  • kit pulizia personale (spazzolino, dentifricio, sapone, shampoo, crema per le mani ecc.)
  • kit farmacia personale
  • un pigiama leggero in cotone
  • occhiali da sole
  • piccola luce tascabile
  • confezione crema solare minimo SPF15
  • binocolo tascabile
  • costume da bagno
  • un paio di bastoncini telescopici per le escursioni a piedi (opzionale)
  • piccolo coltellino svizzero, da lasciare rigorosamente nel bagaglio da stiva (opzionale)
  • borraccia da 1 litro (opzionale)
  • macchina fotografica (opzionale)
  • piccolo thermos (opzionale)

Quale bagaglio portare per il Grand Tour Canada e USA? Un borsone o un trolley non rigido da 50/60 litri morbido o semi morbido e uno zaino da escursionismo da 25/35 litri (max

45x60x50 cm) da portare in aereo come bagaglio a mano.

Cos’è il Grand Tour Canada e USA

Se prenoti il Grand Tour Canada e USA, sappi che si tratta di un viaggio itinerante: il programma che presentiamo rappresenta, soprattutto per chi visita i Parchi del Far West USA e del North Canada per la prima volta, un viaggio esaustivo che raccoglie il massimo delle attrattive possibili, nell’ambito della durata del singolo tour. Quasi ogni giorno si cambia località come un vero overland: percorreremo a bordo di un Super Mini Bus, intervallati da qualche escursione e da molte soste naturalistiche durante l’arco della giornata.

In tanti anni di esperienza abbiamo raggiunto una straordinaria efficienza, con una FORMULA TUTTO ORGANIZZATO E PICCOLO GRUPPO.

Il viaggio itinerante su strada rappresenta senza dubbio la modalità più indicata per ammirare e raggiungere città e parchi naturali nel Far West. Le strade sono fantastiche, come la civiltà dell’autista americano e il rispetto del codice stradale assoluto. Viaggiare su questi “nastri di asfalto” è puro piacere. Il nostro è un programma che privilegia la conoscenza e il rispetto, la fotografia e la contemplazione, ed è condotto con armonia, responsabilità e contagiosa passione.

La formula del viaggio è Fly&Drive: tutti i servizi turistici (voli, pernottamenti, ingresso parchi ecc.) sono già prenotati. Un partecipante scelto potrà collaborare con la Guida/Autista alla conduzione del Minibus, se dovesse essere necessario per ogni evenienza e per una maggiore garanzia.

Soggiornerai in hotel a 3 o 4 stelle tipici del viaggio on the road USA, con architettura americana e standard buono, in camere solitamente molto grandi e con letti enormi, bagno e antibagno privato in camera, tv, aria condizionata, macchinetta caffè e té e frigobar (la camera singola è disponibile su richiesta e con un sovrapprezzo).

Cosa mangerai durante il Grand Tour Canada e USA

La colazione continentale è in hotel (eccezionalmente, in locali adiacente all’hotel). Si tratta di colazioni complete a buffet con proposte dolci e salate, frutta e molte bevande a scelta.

Il pranzo è libero. I prezzi sono medio/alti ma, data l’abbondanza della colazione, strada facendo, all’ora di pranzo o strategicamente prima, rintracciamo dei supermercati o centri commerciali dove acquistare liberamente e agevolmente pietanze fresche e genuine. Molti supermercati offrono un angolo pranzo per consumare comodamente gli alimenti acquistati, ma tantissime sono le aree pic-nic.

La cena è libera. I prezzi sono medio/alti, e le cene vengono consumate presso i ristoranti della città o all’interno dell’hotel. La gastronomia USA è internazionale e offre piatti di ogni genere, come ogni altro luogo del mondo aperto al turismo internazionale. Da padrona la fa sempre la carne, ma non mancano nel menù pesce e verdure preparati in molteplici maniere. Potrai scegliere il ristorante di tuo gradimento sebbene, in genere, il gruppo (sempre accompagnato dalla Guida) preferisca restare unito. Negli USA sono ben diffuse le catene di ristorazione, che offrono menù validi, genuini ed economici. In confronto alle nostre abitudini italiane, in USA e Canada la mancia del 10% è obbligatoria e i costi sono sempre esposti senza tasse. Alla cassa il prezzo lievita mediamente del 15%.

Informazioni utili

Al momento della prenotazione verificate che il nome comunicato corrisponda esattamente a quello riportato sul passaporto, onde evitare spiacevoli imprevisti. È necessario fare l’ESTA, da realizzarsi personalmente on-line al costo di circa € 15 a persona (https://esta.cbp.dhs.gov/esta/application.html?execution=e1s1).

La sanità americana è dispendiosa e privata. Noi forniamo un’assicurazione integrativa compresa nella quota di partecipazione con massimali adeguati (€ 1.000.000), ma per chi lo ritenesse necessario può richiederci un preventivo per massimali superiori e condizioni diverse da quelle da noi comprese nella quota. La rete Internet in USA è pressoché disponibile ovunque ed è di buon livello nelle aree di presenza dei flussi turistici, molto meno all’interno delle valli interne o tra le montagne dei parchi naturali. Molti locali e strutture ricettive adibiti principalmente ai servizi turistici sono dotati di Wi-fi free: ciò garantisce a tutti i partecipanti la possibilità di collegarsi con il proprio smartphone, soprattutto in hotel.